I nostri tre cervelli e la Consapevolezza

Le recenti scoperte delle neuroscienze* indicano che la chiave al benessere psicofisico globale della persona sta nella consapevolezza di sé, ossia uno stato di coerenza tra le principali aree del cervello. Le diverse aree del nostro cervello possono essere identificati con dei periodi dello sviluppo dell’essere umano: ovvero, la parte istintiva orientata alla sopravvivenza (cervello rettile), la parte emotiva (cervello mammifero) e la parte mentale, razionale e intuitiva (i due emisferi del cervello superiore o neocorticale).

Attraverso la meditazione Mindfulness la persona sviluppa facilmente una tale condizione di benessere, di consapevolezza globale. Queste pratiche difatti sono state validate scientificamente da numerose ricerche cliniche internazionali per la riduzione dello stress, dell’ansia e della depressione.

La sincronizzazione di queste aree del cervello è evidente dai grafici sulla coerenza elettroencefalografica. L’Istituto di Ricerche di Psicosomatica PNEI di Bagni di Lucca ha studiato il fenomeno della sincronizzazione cerebrale o risonanza neuropsichica (EEG specchio) tra i cervelli di due persone in stato di empatia o di consapevolezza di Sé (meditazione), evidenziando una significativa sincronizzazione tra i loro cervelli (coerenza elettroencefalografica eeg).

Un abitudine alla Mindfulness regolare e costante, come routine quotidiana, produce un miglioramento della salute psicofisica, del senso di dignità e di fiducia nelle proprie capacità e in più migliore attenzione e concentrazione. Generalmente si verificano inoltre miglioramenti nei rapporti personali, nella capacità di empatia e comprensione e nell’intelligenza emotiva tra le persone.

 

* Le ricerche delle neuoscienze del Nobel Edelman, di Damasio, di Panksepp e di MacLean
Seguimi su
Facebook
Facebook
RSS
Google+
http://www.psicosoluzioni.it/i-nostri-tre-cervelli-e-la-consapevolezza/