Mindfulness

Il Progetto Gaia si basa sulla Mindfulness: ma di cosa si tratta?

 

    Il Progetto Gaia, finanziato anche per il 2017 dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si basa sull’educazione alla consapevolezza di sé e alla salute psicosomatica, corpo, mente ed emozioni. Sviluppato dall’associazione Villaggio Globale di Bagni di Lucca, il progetto è indirizzato principalmente alle scuole con l’obiettivo di dare ai ragazzi strumenti pratici per superare il disagio emozionale giovanile. 

    Per le sue caratteristiche, Cecina è stata scelta per il progetto pilota di una Gaia City, con il pieno sostegno da parte dell’amministrazione comunale. I corsi di crescita personale saranno offerte, oltre che nelle scuole,  nelle associazioni di volontariato, nel settore sanità, per il personale e gli operatori di ogni livello, i pazienti e i loro familiari.

    Negli ultimi 4 anni in tutta Italia più di 20.000 persone hanno fatto il protocollo di Mindfulness Psicosomatica, ottenendo miglioramenti importanti nell’autogestione  dello stress e dell’ansia e un rafforzamento dell’autostima. Dove è stato offerto nelle scuole è stato riscontrato un considerevole miglioramento nel comportamento in classe e anche  nel rendimento scolastico.

    Ma di cosa si tratta, esattamente, il protocollo progetto Gaia? La Mindfulness viene sviluppata come tale negli anni ’70 da Jon Kabat Zinn, biologo molecolare di formazione e Professore Emerito di Medicina presso la University of Massachusettes Medical school. Egli la propone ai gruppi di pazienti con tipi di disagio molto vario, per dare loro uno strumento che gli aiuti a ridurre la sofferenza. Dai primi successi riscontrati, il metodo ha visto una diffusione esponenziale internazionale ed attualmente viene utilizzato anche come parte integrante del corso di medicina integrata in numerosi ospedali universitari negli Stati Uniti e nel resto del mondo.

     L’obiettivo è di rendere le persone autonome nella gestione dello stress e del disagio  attraverso la consapevolezza della realtà delle cose nel momento attuale. Questo risveglio serve anche a rafforzare l’autostima e il senso di dignità personale, e di conseguenza rafforza anche le difese naturali e il sistema immunitario.   

    L’origine di tutto è nella meditazione, che Kabat Zinn conosce nella sua forma originale, orientale. Per la trasformazione in un metodo adatto per il pubblico occidentale, ha selezionato certi elementi essenziali e li ha integrati in un protocollo per l’utilizzo nelle cliniche e negli ospedali.  

    Il corso Mindfulness Based Stress Reduction (MBSR)  di otto settimane è strutturato con delle attività diverse, sia mentali, sia fisiche che di condivisione. Si inizia con l’attenzione sul respiro e le sensazioni connesse, poi abbiamo gli esercizi di scanning (anche ad occhi chiusi)  che allenano a mantenere l’attenzione focalizzata su un elemento specifico per una durata di tempo. Il body scan copre tutto il corpo; poi diamo attenzione al cuore; alle emozioni, ai pensieri, ai rumori e alle sensazioni. L’esperienza viene considerata da ogni dimensione percettiva.

    Ma la chiave dell’efficacia dell’esercizio è nell’atteggiamento che adottiamo:  diamo l’attenzione umilmente a tutto ciò che troviamo, compreso disagio e dolore, con curiosità, accettazione, compassione, senza giudicare, senza fuggire e senza cercare di cambiare niente, momento per momento. Gradualmente si acquisisce l’abitudine a questa amorevole gentilezza (loving kindness ) verso il nostro corpo (con tutte le sue storture che ci fanno male) e verso la nostra persona.

     Gli esercizi di yoga dolce e lento insegnano ad ascoltare il nostro corpo, e quindi anche ogni sensazione che proviamo mentre facciamo i movimenti e manteniamo le posizioni. Il metodo diventa così un modo di essere e di stare con noi stessi e con gli altri nel mondo, più presenti, più attenti e più compassionevoli.

    I risultati solitamente raggiunti sono: la capacità di autogestire il disagio emozionale e fisico; migliore concentrazione e memoria; riposo e sonno più profondo, rafforzando le nostre risorse naturali per allontanare i mali che ci colpiscono nei momenti di debolezza. Oltre a questi troviamo spesso migliore abilità comunicative nei rapporti personali e una nuova consapevolezza e senso di responsabilità nei confronti delle crisi umanitarie ed ecologiche che il mondo sta affrontando. 

     A Cecina proponiamo, come operatori olistici professionisti, conduttori del corso Gaia, un protocollo basato su questi concetti e pratiche ma con l’integrazione di ulteriori tecniche specifiche, adattabile sia ai ragazzi che agli adulti.  Per questo il percorso di 10 incontri è stato descritto di ‘Mindfulness psicosomatica’ e di crescita personale. Il progetto sarà presentato al pubblico da parte del suo direttore, professor Nitamo Montecucco, insieme al sindaco, Samuele Lippi, il 23 Gennaio alle 16.30 al Palazzetto dei Congressi a Cecina.

 Lucy Pole